Crotti Osvaldo

 
Osvaldo Crotti risiede ad Almenno S. Bartolomeo (Bergamo).
Ha partecipato a diversi concorsi ottenendo numerosi riconoscimenti quali: Concorso 19^edizione premio letterario internazionale “Trofeo penna d’autore”. Selezionato e inserito nel volume: “I grandi classici della poesia italiana” nella raccolta “Il novecento” con il diploma Menzione d’onore. Torino. (Poesia).
Concorso nazionale “500 poeti dispersi”. Selezionato e inserito nel 2° volume antologico: “500 poeti dispersi” 2013, dalla casa editrice la Lettera Scarlatta. Mondovì (CN).(Poesia).
Concorso “L’indice delle esistenze – le diversità” 2013. Selezionato e inserito nel volume antologico: “Le diversità” con un disegno. Villanova di Guidonia. (Roma). (Grafica).
Concorso letterario – visionario “Voci dal vortice” 2012/2013, 3^edizione Sadastor edizioni amatoriali. Premio degli illustratori – Segnalato. Sagrado. (GO). (Poesia).
Selezionato e inserito nel portale di Vittorio Sgarbi “Bebopart 2013”. Casa editrice E.A. Palermo. (Grafica – Pittura).
Selezionato e inserito nel volume DIAC “Dizionario Italiano Artisti Contemporanei”, dalla casa editrice DIAC. Bologna (Grafica).
Concorso nazionale di poesia “Versi in volo” 3^ edizione. Selezionato e inserito nel volume antologico: “La città” dalla casa editrice Senso–inverso. Ravenna. (Poesia).
4°Concorso nazionale di poesia “Poesie d’amore” 2013. Selezionato e inserito nel volume antologico:
“Poesie d’amore 2013" (Selezionate 150 su 424) dalla casa editrice Penna d’autore. Torino. (Poesia).
Concorso letterario nazionale on-line “Viaggi di versi”. Selezionato e inserito nel volume antologico: “I poeti contemporanei” 4 autori 2013. Collana “Il cigno”, dalla casa editrice Pagine. Roma. (Poesia).
Concorso nazionale di poesia “Poetika 2013” 3^edizione. (Partecipanti 154–Selezionati 59). Selezionato e inserito nel volume antologico: “Poetika 2013” dalla casa editrice Onirica. Trezzano Rosa. (MI).
 
 
menzione d’onore
 
Quel dolce momento
 
 
Il seme della ricchezza avvelena i popoli. 
Il male affonda le sue radici, 
in questa società che sta morendo,
sotto il velo pietoso dell’indifferenza. 
Il denaro rimane l’icona nella vita, 
La smania del potere rende invulnerabili, 
chi si sente padrone, anche del domani, 
mentre la pace è, e sarà, 
molto distante per tutti quanti. 
Solo l’uguaglianza voterà la buona sorte,
scongiurando guerre 
e cancellando ogni impronta di morte. 
Dalla ragione prevarrà il buon senso, 
che sia fratellanza e non un dolore intenso. 
Doveroso è sentire le pulsazioni del cuore, 
respirare il profumo di libertà e d’amore. 
Cogliere quel dolce momento tanto sperato, 
di veder volare la colomba della pace 
sempre più in alto.