Calabrò Salvatore

vive a  Barcellona Pozzo di Gotto. Ha insegnato matematica nella  Scuola Media ed adesso è pensionato. É autore di  due raccolte di poesie: “Sapori di un tempo” e “Sentimenti sparsi”.  
 
 
menzione d’onore
 
La vera letizia
 
Esiste un paese dove si è felici?
Di certo esiste ma è lontano
non raggiungibile da mezzi umani, 
non basta percorrere chilometri 
e poi ancora chilometri
portando dietro se stessi 
carichi dei propri egoismi,
il movimento non cambia l’uomo
che persegue la gloria, la ricchezza, il successo.
Eppure un frate gridò: 
in questo non c’è perfetta letizia.
Tu immagini la felicità 
come una fata che ti viene incontro.
La felicità non la puoi fermare,
 il sentimento attraversa l’anima 
ma  l’attimo passa e non resta fermo
 come una statua nel giardino della vita.
 Se tu porgi la mano a chi chiede aiuto
 quando penserai al tuo gesto sarai felice, 
non sarai felice quando rubi il prossimo, 
non sarai felice quando parli male 
uccidendo l’ immagine del fratello. 
Pensa al fraticello di nome Francesco
che amava la natura solo guardandola 
e il raggio di sole gli faceva amare il sole, 
il canto degli uccelli 
gli faceva amare gli uccelli,
 la povertà gli faceva amare i poveri.
Troverai letizia in ciò che è spoglio 
da titoli, da onori, da odore di soldi.
Troverai felicità  laddove un’altro 
ti  sorride per un gesto di cortesia,
dove c’è fame e tu  porti  da mangiare,
quando dimentichi te stesso 
e pensi al prossimo da amare. 
Troverai felicità quando la tua presenza  
farà sentire libero il carcerato,
e il paese della felicità sarà nel tuo animo
la somma di tanti attimi di vera letizia.