Boccia Vitantonio

vive a Terzigno (Na) ove è nato. É docente di materie letterarie. Dal 2001 ha incominciato a partecipare ai concorsi di poesia e di sceneggiature teatrali. Ha avuto riconoscimenti al: 1° Concorso Letterario Europeo di Piediluco (Tr) - (Anno 2001); XXVIII  Edizione del Gran Premio Nazionale “Città di Pompei” (Na) – (Anno 2002);   VI Edizione del Premio Internazionale “Città di Pomigliano d’Arco” (Na) – (Anno 2002); Premio Letterario Internazionale “Victor Hugo” di Luco dei Marsi (AQ) – (Anno 2002); II^ Edizione del  Premio Nazionale di Poesia “Città di S. Anastasia” (Na) – (Anno 2003); 4° Concorso Letterario Europeo di Piediluco (Tr) – (Anno 2004); VII Edizione Premio Internazionale Letterario-Artistico “La piazzetta” Salerno -  (Anno 2005); 6° Concorso Letterario Europeo di Poesia – Piediluco (Tr) - (Anno 2006); IX Edizione Premio Internazionale Letterario-Artistico “La piazzetta” Salerno – (Anno 2007); Concorso Nazionale “I versi di Dio” – Clan Verdurin – S. Pietro di Feletto (Tv) (Anno 2008); 9° Concorso Letterario Europeo di Poesia – Piediluco (Tr) - (Anno 2009); 10° Concorso Letterario Europeo di Poesia – Piediluco (Tr) - (Anno 2010); IV Concorso Nazionale “Write & Sing” – Rieti - (Anno 2011); Concorso Letterario Nazionale San Lorenzo in Poesia – Sesto Fiorentino (FI) (Anno 2013); VI Ed. Concorso Letterario: “Parole e Poesia” – Formigine – (MO) (Anno 2014). 
 
2° classificato
 
S. Francesco d’Assisi
 
Ancor ti vedo vivo, Poverello,   
ricco vestito di radiosa luce e      
di celesti segni,     
giullare allegro d’eterno Paradiso.
 
                                                                
Ti vedo ritto camminare in terra,        
per foreste aspre e borghi sparsi,                                                                                                      
chetare belve innanzi gli usci chiusi,                                                                                                                                         
da pestilenze e fame sanare umanità stremata.
                                                               
E mentre intorno spargi carità preziosa
forte sento la bocca tua parlar di pace,
pregare Dio, cantando eccelse lodi,
e, benedicendo ognora,                                                                                                                 
annunciare certo all’ “homo”                                                                                                       
felice sorte  dopo prima morte,                                                                                                          
se, pronto, nuova veste indossa per      
menar dritto a meritar                                                                                                           
imperitura dote.